Ristrutturazioni edilizie: guida alle detrazioni fiscali

Ristrutturazioni edilizie a Firenze

La detrazione sulle ristrutturazioni edilizie è in vigore già da diversi anni. Nonostante ciò però c’è ancora molta confusione tra i contribuenti su ciò che in realtà sia detraibile e in quale misura lo si possa fare. In effetti non possiamo dare loro tutti i torti dato che le agevolazioni fiscali per ristrutturazioni hanno subito delle modifiche nel corso degli anni e variano inoltre in base al tipo di intervento effettuato. Cerchiamo dunque di fare chiarezza su questo argomento e vediamo quali sono gli interventi che effettivamente godono della detrazione.

 

Innanzitutt0 per potere usufruire della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie a Firenze, così come a Prato, Sesto Fiorentino e nel resto della Toscana, bisogna assicurarsi che l’edificio in questione sia provvisto dei requisiti richiesti. La detrazione è infatti ammessa solo per gli edifici già esistenti e adibiti ad abitazione, insieme alle varie pertinenze e parti comuni di edifici residenziali. Questi inoltre devono trovarsi in territorio italiano.

 

Premesso ciò, si possono portare in detrazione le spese sostenute per interventi di vario genere. Ad esempio l’adozione di misure antisismiche su costruzioni che si trovano in zone ad alta pericolosità sismica (se adibite ad abitazione principale o ad attività produttive), prevede detrazioni fissate in misura del 65% per le spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014, e del 50% per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015.

 

Fino a tale data si potrà detrarre inoltre il 50% sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A solo per i forni) per gli immobili oggetto di ristrutturazione. In questo caso però bisogna tenere presente che la detrazione può essere calcolata su una cifra complessiva non superiore ai 10.000 €, ripartiti in 10 quote annuali.

 

Andiamo ora a vedere, dal punto di vista pratico, alcuni esempi di lavori che danno diritto alla detrazione fiscale. Si tratta di lavori di manutenzione straordinaria su parti condominiali come l’installazione di ascensori e scale di sicurezza, la sostituzione di infissi e il rifacimento di scale o rampe. Per quanto riguarda la ristrutturazione edilizia: la modifica della facciata, la realizzazione di una mansarda o di un balcone, l’apertura di nuove porte o finestre e la costruzione di servizi igienici in ampliamento delle superfici esistenti. In fase di restauro o risanamento conservativo anche gli interventi di adeguamento delle altezze dei solai e il ripristino dell’aspetto storico architettonico di un edificio danno diritto al bonus fiscale. Così anche lavori di manutenzione ordinaria come tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti o di infissi esterni, rifacimento di intonaci e riparazioni delle grondaie.

 

Come vedete i casi in cui si applica la detrazione fiscale sono molti, tanto vale quindi approfittarne per fare quei lavori che avete in mente da un po’ di tempo ma che non vi siete mai decisi ad affrontare. Se siete residenti nei comuni di Firenze, Prato e Sesto Fiorentino, sarà per voi importante affidarvi a degli esperti di ristrutturazione di immobili con una conoscenza approfondita del territorio toscano in grado di seguire tutte le pratiche edilizie in ogni fase del progetto, fino alla sua realizzazione.

 

 

Contattateci per un appuntamento

o compilate il nostro modulo online.



Per informazioni relative a ristrutturazioni e altri interventi di edilizia abitativa o industriale, contattateci ai numeri:

 

cell. 335/382078

info@marec.it 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© MAREC Via dei Buonarroti Simoni n. 1- 50135 Firenze - Partita IVA:06315380482