Ristrutturazioni ecologiche: scegliere i materiali giusti

Quando si decide di ristrutturare una casa lo si può fare per molti motivi, ma sicuramente l’obiettivo di tale scelta è sempre quello di migliorare il comfort abitativo sfruttando al massimo gli spazi, utilizzando materiali di qualità e migliorando anche l’efficienza energetica. In questi anni inoltre si sta diffondendo una sempre maggiore attenzione ai materiali utilizzati, prediligendo quelli naturali, ecologici e biocompatibili, senza emissione di sostanze nocive .

 

Ma perché utilizzare materiali di questo tipo nelle ristrutturazioni di case a Firenze? Perché la scelta di materiali ecologici migliora senza ombra di dubbio il comfort della casa influendo principalmente sul micro clima (quindi umidità e temperatura), sulla qualità dell’aria (assenza di sostanze nocive) e ambiente in generale (luce e acustica). Si tratta inoltre di materiali che richiedono un basso consumo di energia e producono una quantità minima di rifiuti nelle diverse fasi del loro ciclo vitale.

 

Vediamo dunque quali sono i materiali che consigliamo di utilizzare per le vostre ristrutturazione di case, ville e appartamenti a Firenze e dintorni (ad esempio, Fiesole), partendo dall’intonaco. Quello a base di calce naturale, ad esempio, non contiene sostanze chimiche, è traspirante e regola l’umidità. Anche l’intonaco a base di argilla regola l’umidità, ha proprietà fonoassorbenti e protegge dai campi elettromagnetici, inoltre trattiene polvere, gas e odori ed è completamente riciclabile ed ecologico. L’intonaco a base di gesso infine è un perfetto isolante termico, regola anch’esso l’umidità ed è permeabile al vapore acqueo. Sono tutti prodotti molto validi, da valutare e scegliere in base alle proprie esigenze e alle caratteristiche della casa da ristrutturare.

 

Una volta passato l’intonaco si passa poi alla pittura. Esistono in commercio delle straordinarie pitture ecologiche naturali che non emettono esalazioni tossiche, sono traspiranti e biocompatibili. Se ne trovano a base di minerali (calce o silicati), vegetali (oli essiccati, resine, cera d’api), o animali (con caseina del latte, sostanze proteiche, uova).

 

Per l’isolamento termoacustico esistono diversi prodotti, di diversa origine: vegetale (come la fibra di legno, di lino o di cocco), di origine animale (come la lana di pecora) o minerale (come l’argilla e la pomice).

 

Nella bioedilizia la preferenza viene in genere data ai materiali di cui c’è buona disponibilità in natura e che possono facilmente essere riciclati, ma anche ai materiali il più possibile locali, in modo da eliminare i costi e l’inquinamento legati al loro trasporto.

 

Per quanto riguarda la nostra zona, una curiosità riguarda le novità del Regolamento Urbanistico del Comune di Prato nel quale figura la sperimentazione per l’utilizzo di scarti tessili per la coibentazione (ovvero l’isolamento termoacustico) degli edifici. Una soluzione perfetta per riciclare e dare nuova vita agli scarti.

 

La bioedilizia inoltre - elemento da non sottovalutare affatto – permette la ristrutturazione di appartamenti a Firenze agli stessi prezzi che si avrebbero utilizzando materiali tradizionali, oltretutto con un risparmio nei costi di gestione dell’immobile, sia per una minore necessità di manutenzione che per un maggiore risparmio energetico. 

 

 

 

 

Contattateci per un appuntamento

o compilate il nostro modulo online.



Per informazioni relative a ristrutturazioni e altri interventi di edilizia abitativa o industriale, contattateci ai numeri:

 

cell. 335/382078

info@marec.it 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© MAREC Via dei Buonarroti Simoni n. 1- 50135 Firenze - Partita IVA:06315380482