Incidenti domestici: come prevenirli

Ogni anno, in Italia, oltre tre milioni di persone dichiarano di essere state coinvolte in almeno un incidente domestico. Un valore che corrisponde addirittura a oltre il 5,5% della popolazione totale. Si tratta, quindi, di un fenomeno sociale sul quale è davvero necessario concentrare l’attenzione.

 

Numerosi enti stanno ponendosi il problema degli incidenti domestici che, come possiamo immaginare, coinvolgono soprattutto bambini e anziani, anche se non risparmiano nessuna fascia di età. In particolare, sono interessanti due documenti realizzati dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) che, all'interno del programma “Guadagnare salute”, ha realizzato due strumenti utili a valutare la rischiosità degli edifici. Il primo di questi è la “Lista di controllo per le abitazioni”, che predispone una vera e propria check list che consente di “rilevare eventuali rischi abitativi riconducibili alla struttura, all’impiantistica, agli arredi o all’adozione di comportamenti pericolosi”. Il secondo è l’“Indicatore di rischiosità domestica” che assegna specifici punteggi agli elementi strutturali, architettonici e di arredamento domestico, consentendo di quantificare “il rischio di infortunio di un individuo all’interno delle mura domestiche”. Il tutto in funzione del tempo trascorso in casa, degli ambienti frequentati, dell’età, della condizione professionale, del grado di istruzione e del sesso.

 

Secondo l’Istituto nazionale di statistica in un trimestre sono coinvolti in incidenti domestici oltre 700.000 persone. I luoghi domestici più pericolosi sono: la cucina, il soggiorno e le camere, il bagno. Inoltre gli incidenti più frequenti sono le cadute (40%), le ferite da taglio o punta (15%), gli urti o schiacciamenti (12%). Le cause sono principalmente dovute a particolari caratteristiche dell’abitazione (per esempio le scale, un pavimento scivoloso, la presenza di fili elettrici sul pavimento), legate a un cattivo utilizzo delle apparecchiature (per una scarsa percezione dei rischi collegati all’utilizzo di alcuni elettrodomestici), fattori associati alle condizioni di salute (come la scarsa mobilità), fattori legati ad alcuni stili di vita o abitudini (per esempio uso di alcol o farmaci). 

 

Come intervenire  dunque in fase di progettazione o ristrutturazione della casa per evitare gli incidenti domestici? Ci occupiamo spesso di ristrutturazioni edilizie a Firenze che includono anche la messa in sicurezza della casa. Gli ambienti coinvolti principalmente nella ristrutturazione di case o ville a Firenze o nei dintorni riguarda gli ambienti della cucina, del salotto e del bagno.

 

Partiamo dalla cucina: qui le manopole del piano cottura devono essere poste lontano dalla portata dei bambini, ma anche lontano dalla finestra in modo che non si verifichino correnti d’aria che potrebbero spegnere i fuochi lasciando comunque acceso il gas. Sul piano di lavoro inoltre dovrebbero essere installate più prese in modo da evitare che i fili elettrici finiscano vicino ai fornelli. Infine dovrebbero essere installati i rilevatori per l’incendio e il monossido di carbonio. 

 

Passiamo al soggiorno: qui bisognerebbe disporre le prese in modo tale da non avere in giro fili elettrici, distribuire i punti luce in maniera funzionale così da rendere subito visibili eventuali punti pericolosi (come le scale). 

 

In bagno bisognerebbe scegliere un pavimento antiscivolo, le serrature delle porte dei bagni dovrebbero avere tutte la possibilità di aprirsi anche dall’esterno, la rubinetteria dovrebbe avere idonei miscelatori per evitare che l’acqua calda esca a temperatura eccessiva. 

 

Nella ristrutturazione di ville prestiamo poi particolare attenzione in caso di scale. Queste dovrebbero presentare un andamento regolare e omogeneo e non essere eccessivamente ripide e nemmeno sdrucciolevoli. La dimensione del gradino dovrebbe essere tale da garantire il corretto posizionamento del piede e dovrebbero essere dotate di un corrimano e di un parapetto.  

 

Per rendere sicura la vostra casa chiedete quindi una consulenza per ristrutturazioni a Firenze che tenga conto di tutti questi elementi fondamentali.

 

 

 

Contattateci per un appuntamento

o compilate il nostro modulo online.



Per informazioni relative a ristrutturazioni e altri interventi di edilizia abitativa o industriale, contattateci ai numeri:

 

cell. 335/382078

info@marec.it 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© MAREC Via dei Buonarroti Simoni n. 1- 50135 Firenze - Partita IVA:06315380482